TITLE

DESCRIPTION

Quando l’ecoturista è anche “responsabile”

Si sente parlare sempre più di turismo responsabile, ma cos’è esattamente? “Il turismo responsabile è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Il turismo responsabile riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Opera favorendo la positiva interazione tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori.”

Così lo definisce l’Aitr (Associazione italiana turismo responsabile) www.aitr.org, nata sull’onda di un movimento internazionale di critica ad un modo di fare turismo che non rispetta l’ambiente e le popolazioni locali specialmente nel Sud del mondo. L’alternativa è, invece, un turismo d’incontro e di conoscenza con popoli e terre diversi da noi, in un’ottica di reciproco rispetto, quello che si potrebbe definire “il turismo dal volto umano”.

“Per realizzare i nostri viaggi ci appoggiamo a piccole agenzie turistiche, Ong, associazioni locali. Per i pernottamenti privilegiamo piccoli hotel a conduzione famigliare e, dove possibile, l’accoglienza in famiglia o presso comunità locali. I nostri accompagnatori sono più mediatori culturali che semplici guide turistiche” spiegano a Viaggi Solidali (www.viaggisolidali.it), una delle realtà più consolidate in questo settore.

Si viaggia sempre in piccoli gruppi (massimo 10/12 persone), su itinerari sperimentati, accompagnati da mediatori culturali (solitamente locali). Il viaggiatore tipo non è necessariamente un grande viaggiatore o un giovane. Non è una questione anagrafica o di esperienza, basta mettere in valigia un pizzico di spirito di adattamento. Sono molte le persone che si iscrivono individualmente a questo tipo di viaggi e le donne rappresentano circa i due terzi dei viaggiatori responsabili.

Nella preparazione al viaggio vengono spesso consigliati libri da leggere per immergersi nella cultura del paese che si visita oppure sugli aspetti socio-economici, importanti per avvicinare una realtà diversa. In molti casi è previsto che una parte del prezzo del viaggio venga destinata come quota di solidarietà a un progetto di cooperazione allo sviluppo che si visita durante il viaggio.

Fonte

Lascia un commento

Prossime partenze

Viaggi a partire dal: 27-09-2018
  • Uzbekistan Partenza: 29/09/2018 - Rientro: 13/10/2018
    Culture, minoranze e storia tra Samarcanda, Bukhara e Khiva
  • Lampedusa Partenza: 30/09/2018 - Rientro: 06/10/2018
    Un soggiorno ricco di incontri e riflessioni "per restare umani"
  • vietnam nord Partenza: 03/10/2018 - Rientro: 18/10/2018
    Minoranze etniche, villaggi ed eco-turismo sul Delta del Fiume Rosso
  • wanderlust-1844610_960_720 Partenza: 13/10/2018 - Rientro: 20/10/2018
    Viaggio in Serbia e Bosnia: ricordare il passato e immaginare il futuro
  • Namibia Partenza: 14/10/2018 - Rientro: 29/10/2018
    Il deserto del Namib, fino al parco Etosha al "ritmo della vita"

VIAGGI SOLIDALI

Società Cooperativa Sociale Onlus
P.zza della Repubblica, 14
10152 TORINO
Tel: 011-4379468
Email: info@viaggisolidali.it
P.IVA: 08998700010

Silver medal, best Innovation
by a Tour Operator


DOCUMENTAZIONE

Assicurazioni viaggiatore
Contratto di viaggio
Copyright

Rea: TO - 1016818
Albo delle Cooperative: A161747 del 05/01/2005
Lic. Ag. Viaggi n. UL/2005/65/7 del 12/05/2005
Assicurazione RCT/RCO: UNIPOL polizza 149563032
Polizza insolvenza: CBL Insurance Europe

Privacy Policy

SIAMO SOCI DI



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Registrandoti alla Newsletter acconsenti alla nostra Privacy Policy