IL MONDO @ CASA MIA: l'Africa, il calcio, l'infanzia

di Adriano Argenio, accompagnatore viaggi Tanzania

Parto all’improvviso, dopo aver letto di un viaggio su una rivista. Arrivo in giaccone e mi ritrovo in maglietta: fa caldo. Afoso. Fuori dall’aeroporto tanta gente di colore. Come fuori dalla stazione di Napoli. Qui sono la maggioranza, è naturale: è la loro terra. Sono gentili come sempre.
Salgo su un pulmino. Ci muoviamo su strade in cui l’asfalto è sommerso dalla sabbia. Paesaggi bellissimi: osservo la meraviglia negli occhi dei miei compagni di viaggio. Plastica e rifiuti a bordo strada. Somiglia tanto alla mia terra. 

DSCN3756

Mi rendo conto di quanto siamo africani 

Incolonnati nel traffico, mani dai finestrini. Anacardi, buste di plastica, collanine, banane, sacchetti di acqua potabile: è l’Africa. In un’aiuola circondata da auto, decine di ragazzini giocano a calcio. Scalzi con un pallone di buste di plastica annodate.

Penso alla mia infanzia. Gioco bene, veloce, mi piace il calcio, ma non so cosa significhino stopper, fuorigioco, stop a seguire. È un calcio selvaggio come quello di questi bambini africani, senza schemi: mio padre è appassionato di atletica. Mi chiamano “prufessò” per sfottermi perché i miei genitori insegnano al liceo.

Il traffico africano: macchine incolonnate alla napoletana. Clacson. Due che si scazzottano. Tanta gente a piedi. I ragazzi continuano a giocare. Torsi nudi. Qualche maglietta di squadre italiane.

9827542325_9bb1b41708_o

Ancora ricordi…

Giochiamo a imitare i calciatori della televisione. Giochiamo la domenica mattina sul campo dei Salesiani. Chi non è a messa, è fuori squadra. Non per la chiesa, ma per il rispetto delle regole. L’allenatore Tonino ci insegna a vivere facendoci giocare al calcio. Un grande uomo Tonino, in una terra in cui essere uomini è la cosa più difficile da realizzare. Non so che fine abbia fatto, spero sia felice.

Cerco di contare i ragazzini che stanno giocando sull’aiuola. Sono tanti, di diversa età. Penso alla difficoltà di mettere insieme dieci persone per giocare a calcetto nella nostra società occidentale: decine di telefonate, solo dopo il lavoro, di notte, sotto la luce artificiale, su campi di plastica.
Il calcetto. Veloce, ritmi serrati, gol continui

giochiamo come viviamo

9827631106_0ecf364b46_o

Ricordo con nostalgia i campi di calcio della mia infanzia. L’erba solo agli angoli, dove il calpestio è minore. Non erba da prato inglese, ma erba selvatica. Gioco in difesa. Durante la partita ho il tempo di godermi la giornata di sole quando il pallone è dall’altra parte del campo. Spesso zero a zero, ma tutti contenti. Stanchi, sporchi, sudati, ma soprattutto fuori casa.

Bei giorni. Forse per la giovane età o forse perché vissuti con altri tempi, più lenti, più umani.

1982

Guardo questi ragazzini africani e rivivo quelle sensazioni

Campi senza linee, porte sgangherate, ragazzi che giocano a pallone e sognano il calcio dei campioni. Non si telefonano per incontrarsi. Non esiste il calcetto in Africa. Spero non ci arrivi mai

Piacerebbe a Tonino questa Africa, con i suoi ragazzi veloci, magri e con tanta fame di arrivare. Piacerebbe a mio padre perché c’è ancora la possibilità di insegnare ai ragazzi ad essere uomini senza paura di farli diventare dei disadattati

36834384261_47fb1f67b2_o
35827792074_a76ac6337f_o

VIAGGI SOLIDALI

Società Cooperativa Sociale Onlus
P.zza della Repubblica, 14
10152 TORINO
Tel: 011-4379468
Email: info@viaggisolidali.it
P.IVA: 08998700010

Silver medal, best Innovation
by a Tour Operator


DOCUMENTAZIONE

Assicurazioni viaggiatore
Contratto di viaggio
Copyright

Rea: TO - 1016818
Albo delle Cooperative: A161747 del 05/01/2005
Lic. Ag. Viaggi n. UL/2005/65/7 del 12/05/2005
Assicurazione RCT/RCO: UNIPOL polizza 149563032
Polizza insolvenza: Nobis / Polizza n. 6006002119/N

Privacy Policy

SIAMO SOCI DI



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Registrandoti alla Newsletter acconsenti alla nostra Privacy Policy