IL MONDO @ CASA MIA: l'Africa, il calcio, l'infanzia

di Adriano Argenio, accompagnatore viaggi Tanzania

Parto all’improvviso, dopo aver letto di un viaggio su una rivista. Arrivo in giaccone e mi ritrovo in maglietta: fa caldo. Afoso. Fuori dall’aeroporto tanta gente di colore. Come fuori dalla stazione di Napoli. Qui sono la maggioranza, è naturale: è la loro terra. Sono gentili come sempre.
Salgo su un pulmino. Ci muoviamo su strade in cui l’asfalto è sommerso dalla sabbia. Paesaggi bellissimi: osservo la meraviglia negli occhi dei miei compagni di viaggio. Plastica e rifiuti a bordo strada. Somiglia tanto alla mia terra. 

Mi rendo conto di quanto siamo africani 

Incolonnati nel traffico, mani dai finestrini. Anacardi, buste di plastica, collanine, banane, sacchetti di acqua potabile: è l’Africa. In un’aiuola circondata da auto, decine di ragazzini giocano a calcio. Scalzi con un pallone di buste di plastica annodate.

Penso alla mia infanzia. Gioco bene, veloce, mi piace il calcio, ma non so cosa significhino stopper, fuorigioco, stop a seguire. È un calcio selvaggio come quello di questi bambini africani, senza schemi: mio padre è appassionato di atletica. Mi chiamano “prufessò” per sfottermi perché i miei genitori insegnano al liceo.

Il traffico africano: macchine incolonnate alla napoletana. Clacson. Due che si scazzottano. Tanta gente a piedi. I ragazzi continuano a giocare. Torsi nudi. Qualche maglietta di squadre italiane.

Ancora ricordi…

Giochiamo a imitare i calciatori della televisione. Giochiamo la domenica mattina sul campo dei Salesiani. Chi non è a messa, è fuori squadra. Non per la chiesa, ma per il rispetto delle regole. L’allenatore Tonino ci insegna a vivere facendoci giocare al calcio. Un grande uomo Tonino, in una terra in cui essere uomini è la cosa più difficile da realizzare. Non so che fine abbia fatto, spero sia felice.

Cerco di contare i ragazzini che stanno giocando sull’aiuola. Sono tanti, di diversa età. Penso alla difficoltà di mettere insieme dieci persone per giocare a calcetto nella nostra società occidentale: decine di telefonate, solo dopo il lavoro, di notte, sotto la luce artificiale, su campi di plastica.
Il calcetto. Veloce, ritmi serrati, gol continui

giochiamo come viviamo

Ricordo con nostalgia i campi di calcio della mia infanzia. L’erba solo agli angoli, dove il calpestio è minore. Non erba da prato inglese, ma erba selvatica. Gioco in difesa. Durante la partita ho il tempo di godermi la giornata di sole quando il pallone è dall’altra parte del campo. Spesso zero a zero, ma tutti contenti. Stanchi, sporchi, sudati, ma soprattutto fuori casa.

Bei giorni. Forse per la giovane età o forse perché vissuti con altri tempi, più lenti, più umani.

Guardo questi ragazzini africani e rivivo quelle sensazioni

Campi senza linee, porte sgangherate, ragazzi che giocano a pallone e sognano il calcio dei campioni. Non si telefonano per incontrarsi. Non esiste il calcetto in Africa. Spero non ci arrivi mai

Piacerebbe a Tonino questa Africa, con i suoi ragazzi veloci, magri e con tanta fame di arrivare. Piacerebbe a mio padre perché c’è ancora la possibilità di insegnare ai ragazzi ad essere uomini senza paura di farli diventare dei disadattati

VIAGGI SOLIDALI

Società Cooperativa Sociale Onlus

SEDE LEGALE
c/o Avvocato Torino | Athena Società tra Avvocati S.r.l. S.t.a.

Palazzo Galileo, Via S. Quintino, 28, 10121 Torino TO


SEDE OPERATIVA
c/o CASA CONTE ROSSO
Piazza Conte Rosso 20
10051 Avigliana – Torino


Email: info@viaggisolidali.it
P.IVA: 08998700010

Silver medal, best Innovation by a Tour Operator


DOCUMENTAZIONE

Bilancio Sociale 2020
Assicurazioni viaggiatore
Contratto di viaggio
Copyright

Rea: TO - 1016818
Albo delle Cooperative: A161747 del 05/01/2005
Lic. Ag. Viaggi n. UL/2005/65/7 del 12/05/2005
Assicurazione RCT/RCO: UNIPOL polizza 149563032
Polizza insolvenza: TUA ASSICURAZIONE - polizza n 40321512001705

Privacy Policy

SIAMO SOCI DI



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER