top of page
Monks receive alms bowl at countryside of Thailand_edited.jpg

Appunti di viaggio di Emanuele – accompagnatore Marocco di Viaggi Soldiali


Il Marocco non finisce mai di sorprendere. Quel che più colpisce è il deserto, al di là dell’alta frontiera dell’Atlante. Non si vorrebbe mai tornare indietro, per questo il nostro viaggio ha un itinerario circolare che attraversa i monti solo in direzione sud, dopo l’esotismo della frastornante Marrakech.

All’improvviso i verdi intensi delle foreste lasciano il posto all’ocra, rosso e nero delle montagne dipinte, dai colori sgargianti quanto imprevedibili degli stessi minerali che le compongono e qui son messi a nudo. La cultura degli uomini affronta l’asprezza della natura Kasbe ed agadir (granai fortificati) furono costruiti per difendere i raccolti; dei Glaoui, tribù berbera dell’Atlante, sono i gioielli architettonici di Telouet a 1800 metri e di Ait Ben Haddou ai piedi dell’Atlante.

Più a sud sugli asciutti monti del ‘Piccolo Atlante’ granai in pietra si mescolano magicamente alle cime rocciose… E’ qui un deserto montano, pietroso, raramente sabbioso; anche se inesorabili le dune avanzano per seppellire pianure inaridite e addossarsi alle lunghe catene montuose… La frontiera si perde e si ritrova, nascosta in questi spazi apparentemente immensi, ma purtroppo spezzettati in nazioni inventate dal colonialismo. Gli erg seguono la frontiera algerina o quella cancellata del Sahara Occidentale… Le sabbie coprono le ferite di lunghe guerre anche recenti… E’ un territorio aspro che offre incontri significativi: gli abitanti di Allougoum difendono in grande unità la loro bella oasi, irrigata da un complesso sistema di canali.


Nella grande oasi di Tata si cela l’ospitalità dei neri berberi del sud ovest e poco più a sud si può percorrere un tratto di deserto, rigorosamente a piedi, seguendo la mappa mentale di Mouloud, esperto fin da bambino di incisioni rupestri, lasciate sulle rocce migliaia di anni fa a ricordare quanto verde e animali popolassero terre ora aride. Il viaggio stempera le forti emozioni del deserto portando lentamente all’oceano, ultima frontiera… Si vive allora l’incredibile incontro di opposti, le onde violente contro le rocce asciutte e le sabbie. Qui una laguna incantatacircondata da alte dune, punto di partenza degli schiavi verso le Canarie.


Fu la scusa per conquistare Ifni: la città ancora isolata racconta la storia di separazione forzata (spagnola fino al 1969). Le lunghe spiagge dell’Atlantico, fino alla bianca Essaouira, attenuano piacevolmente il dolore dell’abbandono di terre molto più aspre e assolute, addolcendo quel mal d’Africa che inavvertitamente colpisce tutti i viaggiatori…

by Emanuele N.

Parti con lui, le prossime date sono: Marocco Estremo Sud: l’avventura della frontiera sahariana – 15 giorni– IDV 282 Dal 07/07 al 21/07/2012 Dal 15/09 al 29/09/2012 Dal 20/10 al 03/11/2012 Dal 24/11 al 08/12/2012

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page