top of page

Tour Personalizzabile

Titolo del viaggio

a partire da:

€ 2.500

a persona, in camera doppia, esclusi i voli

durata viaggio

Vuoi personalizzare questo Tour?

Scrivici

Questo tour è già perfetto per te?

Prenota Ora

Sottotitolo del viaggio

Fascino del Viaggioo

Plus Solidale

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

Higlights & Gallery del viaggio

Viaggio di Nozze

ARGENTINA

Terra del Fuoco

a partire da:

€ 3.120

a persona, in camera doppia, esclusi i voli

15GG | 14NN

Vuoi info o personalizzare questo Tour?

Ushuaia, penisola Valdes, ghiacciai e incontri sociali, sognando la Patagonia!

I viaggi su misura sono studiati per coppie, gruppi di amici e famiglieche desiderano viaggiare in autonomia e/o personalizzare l’itinerario in base ai propri interessi e tempi. Le possibilità sono tante e seducenti. Infatti l’Argentina può essere considerata a sua volta un continente all’interno del subcontinente latinoamericano con climi, paesaggi e culture che spaziano dal subtropicale al subantartico. A Nord Est, dove il clima è tropicale in estate e temperato in inverno, troviamo le Cascate di Iguazu, la selva tropicale e le popolazioni Guaranì. A Nord Ovest gli altipiani andini, i laghi di sale e i deserti multicolori al confine tra Bolivia e Cile abitati dalle popolazioni precolombiane che già fecero parte dell’impero incaico: i Diaguita. A Sud ci aspetta un'esperienza naturalistica intensa: la Patagonia e la Terra del Fuoco, tra ghiacciai e boschi vergini, la steppa con i suoi segreti (foreste pietrificate e resti di dinosauri) eppoi le popolazioni Mapuche, fino al arrivare all’oceano Atlantico dove la Penisola Valdes è un vero santuario di mammiferi marini (balene) e di pinguini. Le visite sociali sono previste prevalentemente aBuenos Aires, che accoglie con la sua atmosfera "bohemien" e il suo carattere esuberante e cosmopolita.

Plus Solidale

Buenos Aires, saremo accompagnati dalla nostra referente per un approfondimento sugli aspetti dei diritti umani. Avremo modo di comprendere il passato e conoscere come è cambiato il paese. Sono previsti incontri con diverse realtà ed iniziative sociali della capitale; visita guidata al quartiere de La Boca nella sua genesi storica e nella realtà odierna; Museo Hotel de Los Inmigrantes; <strong>Università de Las Madres de Plaza de Mayo(da marzo a novembre); visita de la ESMA (Museo della memoria sui crimini della dittatura militare). Infine avremo modo di conoscere il progetto della Cooperativa di lavoro Pipinas Viva, impegnata nella rinascita di Pipina, piccolo centro abitato della provincia di Buenos Aires, con il recuperò di attività abbandonate e la nascita di micro-imprese. A loro saranno destinate parte delle quote di solidarietà

Higlights & Gallery del viaggio

Itinerario |

Terra del Fuoco

GIORNO 1 : Italia - Buenos Aires

Partenza dall’Italia ed arrivo il giorno seguente.


GIORNO 2: Buenos Aires

Arrivo a Buenos Aires (capitale del paese, dove arrivano tutti i voli internazionali). Trasferimento in albergo. Incontro con la nostra referente locale parlante lingua italiana che vi darà informazioni generali sul viaggio e vi guiderà nella prima visita della città per capirne la storia e la struttura urbanistica: quartiere San Telmo, Plaza de Mayo e Puerto Madeiro Recoleta (5/6 ore ca.) Resto della giornata a disposizione. In serata possibilità di andare a una milonga o spettacolo di tango. Il percorso dipende dall’orario di arrivo


GIORNO 3: Buenos Aires

Oggi iniziamo con la visita in Avenida Congreso, ci spostiamo poi al quartiere “La Boca”, simbolo del “crogiuolo di razze”: un tempo zona destinata agli immigrati di ogni paese, oggi è un centro multiculturale sospeso tra calcio e tango, le passioni argentine. Andiamo poi al Museo Hotel de los Inmigrantes, chiave di lettura fondamentale per capire la formazione della nazione argentina. Passiamo poi nell’elegante eleganti quartiere di Palermo: famoso per i suoi enormi parchi e per una zona di bar e ristoranti. Qui la vostra guida vi lascerà per passare una serata di “movida” locale, dove sará possibile a seconda della giornata fare anche una lezione di tango e cenare in un ristorante “recuperato” gestito da una cooperativa di lavoro.


GIORNO 4: Buenos Aires – I diritti umani

Giornata dedicata ad uno degli aspetti più importanti e bui della storia di questa nazione. Un percorso sui diritti umani in compagnia della nostra guida che vi dettaglierà gli eventi politici e storici che hanno definito questo periodo drammatico con la uccisone di 30.000 persone e distrutto la vita di tante famiglie. Visiteremo il Museo della Memoria sito ESMA, il Parco de la Memoria e a seconda della disponibilità ed epoca dell’anno l’Università de Las Madres. Resto della giornata libero per andare alla libreria Ateneo. In sera c’è sempre la possibilità di vedere uno spettacolo di tango o una milonga.


GIORNO 5 e 6: Buenos Aires – El Calafate- El Chaltén

Partenza la mattina in aereo per El Calafate. All’arrivo trasferimento a El Chaltén.

Qui è possibile fare delle bellissime camminate o anche semplicemente godersi la vista delle montagne che si trovano appena sopra il paese.

Camminate impegnative: Laguna de Los Tres (Base del Fitz Roy) camminata di 8-9 ore totale alla base del ghiacciaio e della parete granitica del monte Fitz Roy, 24 km, dislivello +1000 – 1250 (dal Rio Electrico).; Laguna Torres, 18 km dislivello +600 – 600.

Camminate semplici sui sentieri del parco: Mirador Condor, Chorrillo del Salto, mirador Fitz Roy/Laguna Capri, Mirador Torres. Escursione al Lago del Desierto.


GIORNO 7: El Calafate - Escursione al Ghiacciaio Perito Moreno

Il Calafate, un tempo posto di sosta delle carovane della lana, é adesso il punto di partenza per visitare i ghiacciai Perito Moreno e Upsalla e molti altri che si affacciano sul lago Argentino. L’attività turistica si è imposta trasformando l’intera zona. Si consiglia vivamente di degustare il rinomato "cordero patagónico" (agnello al palo).

Il ghiacciaio Perito Moreno presenta uno spettacolare fronte di quasi quattro chilometri con pinnacoli di altezza fuori dall’acqua di più di 30 metri. Scende dalla calotta di ghiaccio continentale delle Ande nella zona sud e genera poi il lago Argentino. Nonostante il cambio climatico stia provocando la diminuzione della massa del ghiaccio, ai nostri occhi lo spettacolo della sua magnificenza lascia attoniti. Oltre alla camminata d’obbligo sulle passerelle che permettono di vedere sia la parte nord che quella sud da molto vicino, proponiamo secondo le curiosità tre tipi di escursione: navigazione e camminata per il bosco andino alla zona del ghiacciaio Mayo; navigazione di un’intera giornata sul lago Argentino; camminata sul ghiacciaio.

PROGRAMMA ALTERNATIVO GIORNI 5, 6 E 7: ESTANCIA NIBEPO AIKE

Partenza la mattina in aereo per El Calafate. All’arrivo trasferimento all’estancia Nibepo Aike, situata nell’estremo sudovest de Brazo Rico del Lago Argentino, al sud del fronte del ghiaccio Perito Moreno, ultimo luogo abitato ai piedi della cordigliera delle Ande. Ristrutturata negli ultimi vent’anni per dedicarsi all’accoglienza turistica, offre una posizione privilegia per passare un paio di giorni immersi nell’atmosfera di questi territori un tempo avamposti remoti e lontani da tutto.

Possibilità di include l’escursione “Aventura” al fronte del ghiacciaio Frias. In questa opzione l’escursione al ghiacciaio Perito Moreno partirà direttamente dall’estancia per rientrare il giorno 7 in serata a El Calafate.


GIORNO 8: El Calafate - Ushuaia

Trasferimento da El Calafate a Ushuaia via terra: si tratta di un tragitto di circa 900 km che dura quasi 18 ore con cambio di pullman a Rio Gallego. La mattina presto (anche intorno alle 3-4 di mattina) partenza in pullman di linea per Rio Gallego, capitale della provincia di Santa Cruz. Cambio di pullman e attraversamento dello Stretto di Magellano in traghetto, si prosegue fino a Rio Grande. Si percorre la strada nazionale numero 3 attraversando l’Isola Grande della Terra del Fuoco in direzione sud ovest e, dopo aver superato il Passo Garibaldi, arriviamo ad Ushuaia e al Canal Beagle. Questa lunga giornata di spostamento via terra darà la possibilità di conoscere ed ammirare il paesaggio ed i suoi cambiamenti, con l’impressione di una terra che non finisce mai. Possibilità di sostituire questo trasferimento con un volo interno.

GIORNO 9: Parco Terra del Fuoco - Canal Beagle - Mini crociera

La Tierra del Fuego è un arcipelago di isole boscose poco abitate a una distanza di più 3000 km da Buenos Aires, tra lo Stretto di Magellano e il Canal Beagle. A queste latitudini estreme la natura appare al suo stato puro: l’oceano, i canali i fiordi, i monti e le steppe, con una ricca fauna di uccelli e mammiferi marini. Proponiamo: la visita al Parco Nazionale Tierra del Fuego, in veicolo, camminando per brevi sentieri e fermandoci nei settori salienti e panoramici più importanti fino alla baia di Lapataia; la navigazione sul Canal Beagle che permette di avvicinarsi alle isolette davanti alla baia di Ushuaia dove si possono osservare colonie di cormorani e leoni marini, fino a raggiungere il faro de Les Eclaires per poi ormeggiare in un isolotto dove una breve camminata consente di apprezzare la variata vegetazione australe che ricopre le rocce. L’ordine temporale delle escursioni è variabile.


GIORNO 10: Oltre Ushuaia

Lasciandoci alle spalle Ushuaia in direzione della costa orientale del Canal Beagle si arriva a un settore smisurato e semisconosciuto: Penisola Mitre. Qui è iniziata la storia dei “bianchi” in queste lande tra missionari con pochi scrupoli e marinai spregiudicati. Oggi una comunità di pescatori artigianali si stringe intorno a Puerto Almanza: forse 30 case di pescatori affacciate lungo costa al Canal Beagle. Il gestore del ristorantino “La Sirena y el Capitàn” raccatta l’alga Cochajujo per farne polpettine fritte mentre a Puerto Pirata si possono pescare le granseole direttamente dalle nasse e mangiarle a chilometro zero virgola zero! Ci si dirige poi lungo l’ultima strada dell’Argentina che passa davanti all’estancia Harberton, prima avamposto missionario e poi importantissima estancia della zona, oggi dedicata all’attività turistica. Dipendendo dall’orario e dal periodo dell’anno possibilità di visita. Rientro a Ushuaia in serata.


GIORNO 11: Ushuaia – Trelew/Puerto Madryn – Puerto Piramides

Trasferimento in aereo da Ushuaia a Trelew e da Trelew a Puerto Piramides in auto. Siamo arrivati così sulla costa atlantica della Patagonia Argentina esattamente nella Penisola di Valdés, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Dovuto alla sua posizione protetta da due golfi e dalla conformazione delle coste, si possono facilmente osservare a seconda dei periodi dell’anno importanti colonie leoni marini (otarie), elefanti marini, pinguini (Pinguino di Magellano, Spheniscus magellanicus). Ma il motivo per cui è mondialmente famosa è la presenza della Balena Franca Austral  che da giugno a fine novembre viene in queste acque ad accoppiarsi e a partorire.


GIORNO 12: Puerto Piramides - Penisola Valdes

Alloggiamo a Puerto Piramides, un minuscolo paesino di solo 500 persone affacciato su una baia di sabbia color oro, con tipici ristoranti e negozi di artigianato. Verso est si estende una spiaggia chilometrica con alle spalle alti strati calcarei fossilizzati e dune di sabbia, il tutto assolutamente naturale e selvaggio. Visita in veicolo alle riserve faunistiche della Penisola. Navigazione e avvistamento delle balene da giungo a novembre.


GIORNO 13: Puerto Piramides – Trelew – Buenos Aires

Trasferimento in privato da Puerto Piramides all’aeroporto di Trelew circa 4 ore prima dell’orario di partenza del volo a Buenos Aires. Arrivo in serata.


GIORNO 14: Buenos Aires - Italia

Giornata libera fino al trasferimento all’aeroporto internazionale per il volo sull’Italia. Arrivo il giorno seguente.

Cosa comprende questo itinerario?

LA QUOTA COMPRENDE

> Quota di iscrizione, inclusa di assicurazioni “Assistenza alla persona”, “Spese mediche”, “Bagaglio” e “Annullamento”.
> Tutti i pernottamenti in camera doppia e le prime colazioni.
> Tutte le escursioni come da programma e presenza di guide locali naturalistiche.
> Quota di solidarietà per lo sviluppo di progetti locali (70 euro)

LA QUOTA NON COMPRENDE

> Pranzi e cene
> Piccoli trasporti terrestri a Buenos Aires (taxi e metro)
> Le entrate ai parchi
> Trasferimenti da/per aeroporti per voli interni
> Tasse aeroportuali voli interni
> Tutto quanto non espressamente citato alla voce “la quota comprende.

Scheda tecnica del tour

Pernottamento e Pasti

Si dorme in piccoli hotel, in alcuni casi a gestione familiare, in camere doppie con bagno e biancheria completa. A pranzo principalmente mangeremo al sacco durante le escursioni per goderci al massimo i paesaggi e la natura. La cena è al ristorante consigliato dall’accompagnatore o seguendo l’orientamento del gruppo. La cucina argentina, anche se basata sulla carne (la migliore del mondo) è molto variata e si trovano sempre piatti alternativi e perfino vegetariani!

Trasporti:

Tre spostamenti interni sono in aereo dovuto alle grandi distanze da percorrere. Mentre per il tratto El Calafate – Ushuaia privilegiamo un lungo percorso in pullman che permette di apprezzare e interiorizzare la vastità del territorio e in particolare di passare da vari ecosistemi, come steppa desertica, praterie verdi, boschi e montagne attraversando anche lo Stretto di Magellano per arrivare nelle mitica Isla Grande de la Tierra del Fuego.

Documenti e Salute

Per viaggiare è necessario il passaporto con validità superiore a sei mesi. Non ci sono particolari protocolli sanitari da seguire in questo viaggio, né vaccini o profilassi.

Assicurazione

Assistenza alla Persona, Spese Mediche, Bagaglio ed Annullamento.
I nostri viaggi sono coperti da polizza ERGO (Polizza n. 69180175-PV19), compagnia specializzata nelle coperture assicurative del
turismo.
Per maggiori informazioni clicca qui

Clima per questo viaggio

L’Argentina si trova nell’emisfero Sud, quindi le stagioni sono invertite rispetto alle nostre. Da dicembre a marzo scoppia l’estate ed il clima a Buenos Aires può essere molto caldo e anche umido; mentre in Patagonia, dovuto alle basse latitudini, il clima è più fresco ma soprattutto molto instabile, nonostante la tendenza sia anche qui verso un maggior calore rispetto alla norma. L’ambiente naturale in Patagonia, al di là dell’aspetto climatico, è estremamente amichevole, non ci sono animali o piante pericolose con l’eccezione del puma che però non si avvicina ai gruppi umani.

Folla con maschere

RACCOMANDAZIONI COVID - 19

Raccomandiamo ai partecipanti di verificare prima della partenza l’eventuale documentazione necessaria secondo le normative nazionali e regionali vigenti al momento dell’effettuazione del viaggio.